Venerdì 8 marzo 2019
Cre.Zi.Plus, h. 15:00-17:00

Introduzione a Pure Data – Rudimenti di sound design

Workshop gratuito condotto da Alessandro De Rosalia

ITA

L’obiettivo di questo workshop è quello di introdurre gli uditori al mondo del sound design attraverso una panoramica del noto linguaggio di programmazione ad oggetti Pure Data. Inventato negli anni Novanta da Miller Puckette, celebre programmatore ed inventore di altri noti software musicali, Pure Data ha visto rapidamente crescere la propria popolarità nel corso degli ultimi venti anni. Le ragioni di tale fama sono essenzialmente due: le infinite possibilità creative che esso offre all’utente ed il fatto di essere un software open source (e, dunque, totalmente gratuito). Sin dalla sua nascita, infatti, si è sviluppata attorno a Pure Data una florida comunità di utenti, i quali hanno contribuito spontaneamente allo sviluppo di librerie esterne che hanno ampliato le già vaste potenzialità del linguaggio di programmazione. Ad oggi, infatti, Pure Data consente di generare e/o manipolare elementi sonori, immagini, video, messaggi MIDI, etc.

  1.  Installazione / configurazione del software e delle external libraries

Il primo modulo del workshop è dedicato alla spiegazione delle procedure di installazione del software e delle più note librerie esterne sui personal computer degli uditori. L’installer del programma verrà fornito direttamente dal relatore o, in alternativa, è possibile scaricare la versione presente al seguente link: https://puredata.info/downloads/pure-data. Una volta terminata la fase di installazione verrà spiegato anche come configurare correttamente le preferenze di Pure Data, alla fine di garantire un corretto funzionamento del programma.

 

  1. Operatori aritmetici/logici

Il secondo modulo è volto a presentare una particolare categoria di oggetti: gli operatori. Nell’implementazione delle varie patch che è possibile creare, capita sovente di dover far eseguire a Pure Data dei calcoli aritmetici e/o delle operazioni logiche. Attraverso una serie di patch esempio, verrà insegnato come padroneggiare tali oggetti.

 

  1. Oscillatori

Il terzo modulo del workshop è dedicato alla presentazione dei generatori sonori sintetici per eccellenza: gli oscillatori. Il modulo inizia illustrando le differenze timbriche tra le varie forme d’onda e termina con un excursus sui principi della sintesi additiva, spiegando agli uditori come costruire all’interno del software un sintetizzatore basato su quanto affrontato.

 

  1. Inviluppi

Il quarto modulo è quello in cui è affrontata la trattazione dell’inviluppo, ossia quel segnale di controllo che consente di modificare l’andamento nel tempo di un parametro del suono. Anche in questo caso il modulo è diviso in una parte teorica, volta a spiegare cosa sia l’inviluppo dal punto di vista fisico / matematico, ed una parte pratica, volta a spiegare come all’interno del software dei generatori di inviluppo.

 

  1. Filtri

Il quinto modulo è dedicato alla spiegazione dei filtri, quei modificatori sonori che permettono di variare il timbro di un suono, sottraendo delle frequenze. I filtri sono alla base della sintesi sottrattiva e, dunque, nel modulo verranno affrontati anche i principi di tale tecnica, facendo costruire all’interno del software un sintetizzatore che la applichi.

 

  1. MIDI

Il sesto modulo è volto alla presentazione del linguaggio MIDI, noto protocollo digitale che consente di far comunicare tra di loro vari strumenti musicali elettronici. Nel corso di tale modulo verrà spiegato come far comunicare Pure Data con qualsiasi MIDI controller. Se gli uditori vorranno potranno portare con sé i propri controller, in modo da poter testare immediatamente quanto appresso.

 

  1. Usare le patch di Pure Data come VST

L’ultimo modulo, infine, ha come scopo quello di spiegare agli uditori come trasformare le patch realizzate con Pure Data in dei plugin VST, in modo da poterle aprire all’interno delle più note Digital Audio Workstation (quali Ableton, FL Studio, Logic, etc.)

 

 

 

Introduction to Pure Data – Rudiments of sound design

Free workshop conducted by Alessandro De Rosalia

ENG

The aim of this workshop is to introduce the auditors to the world of sound design through an overview of the well-known Pure Data programming language. Invented in the ’90s by Miller Puckette, famous programmer and inventor of other well-known music software, Pure Data has rapidly grown in popularity over the last twenty years.

The reasons for this fame are essentially two: the endless creative possibilities that it offers to the user and the fact of being an open source software (and, therefore, totally free). In fact, since its inception, a flourishing community of users has developed around Pure Data, which have spontaneously contributed to the development of external libraries that have widened the already vast potential of the programming language. In fact, to date, Pure Data allows you to generate and / or manipulate sound elements, images, videos, MIDI messages, etc.

 

  1. Installation / configuration of software and external libraries

The first module of the workshop is dedicated to the explanation of the procedures for installing the software and the most known external libraries on the personal computers of the listeners. The installer of the program will be provided directly by the speaker or, alternatively, you can download the version at the following link: https://puredata.info/downloads/pure-data. Once the installation phase is finished, it will also be explained how to correctly configure Pure Data preferences, in order to guarantee the correct functioning of the program.

 

  1. Arithmetic / logical operators

The second module is aimed at presenting a particular category of objects: the operators. In implementing the various patches that can be created, it is often necessary to have Pure Data perform arithmetic and / or logical operations. Through a series of example patches, you will be taught how to master such objects.

 

  1. Oscillators

The third module of the workshop is dedicated to the presentation of synthetic sound generators par excellence: oscillators. The module begins by illustrating the differences in the timbres between the various waveforms and ends with an excursus on the principles of additive synthesis, explaining to the listeners how to build a synthesizer based on what has been dealt with within the software.

 

  1. Envelopes

The fourth module is the one in which the envelope processing is dealt with, that is the control signal that allows to modify the time course of a sound parameter. Also in this case the module is divided into a theoretical part, aimed at explaining what the envelope is from the physical / mathematical point of view, and a practical part, aimed at explaining how within the software of the envelope generators.

 

  1. Filters

The fifth module is dedicated to the explanation of the filters, those sound modifiers that allow to change the timbre of a sound, subtracting frequencies. The filters are at the base of the subtractive synthesis and, therefore, the principles of this technique will be addressed in the module, making a synthesizer to be built within the software to apply it.

 

  1. MIDI

The sixth module is aimed at presenting the MIDI language, a well-known digital protocol that allows various electronic musical instruments to communicate with each other. During this module it will be explained how to communicate Pure Data with any MIDI controller. If the listeners want, they can take their own controllers with them, so that they can immediately test the following.

 

  1. Use Pure Data patches as VST

The last module, finally, aims to explain to the listeners how to turn the patches made with Pure Data into VST plugins, so that they can be opened in the most popular Digital Audio Workstations (such as Ableton, FL Studio, Logic , etc.)